Da studente povero a top 30 del mondo: una storia di successo

Da studente povero a top 30 del mondo: una storia di successo

Ho un ospite insolito per un'intervista: Aina. Si è trasferita in Canada da studentessa e ora è una delle prime 30 donne imprenditrici del mondo, secondo il New York City Journal.

Corsi di breve durata per il gusto di muoversi

La storia di successo di Aina è piena di difficoltà e ostacoli. Sette anni fa è arrivata a Vancouver dall'Ucraina, regione di Donetsk, con un visto per studenti. Aina ha considerato diversi paesi per l'immigrazione, ma il Canada non era una priorità. Tuttavia, nel 2014 c'erano disordini nel paese, quindi non c'era tempo per pensarci. Uno stage alberghiero di un anno alle Maldive, che Aina ha completato nel 2013, l'ha aiutata a ottenere il suo visto da studente. Ha trovato un corso in Canada relativo al settore alberghiero, anche se non aveva intenzione di svilupparsi in questo campo. La formazione è durata 3 mesi, con altri 3 mesi dedicati allo stage.

Aina non è rimasta impressionata da Vancouver, a differenza di Montreal, dove aveva volato inizialmente. Tuttavia, il college era a Vancouver e Montreal, come si rese conto più tardi, era un'attività poco sviluppata.

Aina ha pensato di rinnovare il suo visto sei mesi dopo, ma come si è scoperto, i passi dovevano essere fatti molto prima. Il trasferimento a Vancouver, il regolare lavoro part-time e i pochi soldi non permettevano di avere il tempo di affrontare completamente la questione del visto, così Aina ha deciso di comprare un altro corso, questa volta in inglese. Allo stesso tempo, la ragazza ha preso qualsiasi lavoro che poteva fare 20 ore alla settimana, che è quanto le è permesso di lavorare durante i suoi studi.

"Ho lavorato, francamente parlando, facendo tutto quello che potevo", ricorda Aina. — Era lavapiatti, pulizie, ristoranti, barman, cameriere...".

Dopo diverse altre estensioni del visto, Aina si rese conto di essere intrappolata in un circolo vizioso: prolungava il suo visto per sei mesi, lavorava, ma c'erano solo soldi sufficienti per vivere e per comprare un altro corso breve. Si è trovata di fronte a una scelta: tornare a casa o fare qualche serio passo avanti che l'avrebbe aiutata a rimanere in Canada.

Andare in un'università prestigiosa senza soldi

Aina ha avuto molti contatti con consulenti di immigrazione, e uno dei suggerimenti era quello di studiare a tempo pieno all'università per ottenere un permesso di lavoro per 1-3 anni e poi un permesso di soggiorno permanente. Nel suo paese d'origine, aveva un master in ingegneria elettrica, ma voleva svilupparsi nel business e nel project management. Così ha deciso che se voleva studiare, avrebbe avuto bisogno di un secondo master.

I programmi MBA (Master of Business Administration) sono considerati tra i più prestigiosi, con laureati idonei a posizioni di management superiore e medio.

"Ero quasi sicura al 100% che non sarei stata portata lì, ma volevo controllare", dice Aina.

I programmi MBA sembravano fuori portata per due motivi: selezione difficile e costi elevati. Ciononostante, Aina è riuscita a superare il concorso preliminare ed è stata invitata per un colloquio. La giuria è stata subito colpita — Aina aveva con sé lo zaino di Euro 2012, che ha ricevuto per il lavoro di volontariato al campionato, e uno dei membri del comitato era un appassionato di calcio. Poi c'erano le risposte alle domande.

"Ho cercato di assumere il carisma perché non avevo altro", condivide Aina.

Il tocco finale è una foto. La ragazza si è presentata come blogger ucraina e ha chiesto ai membri del comitato di fare una foto con lei per poter scrivere di come stava entrando all'università. Aina ammette che a quel tempo aveva solo un'idea per un blog.

Una settimana e mezza dopo, è arrivata la risposta. Aina è stata accettata per un MBA alla Simon Fraser University, una delle migliori università del Canada. C'era ancora la questione delle finanze — due anni di studio costano 50.000 dollari CAD. Quando Aina era pronta a fare le valigie e tornare in Ucraina, uno dei suoi conoscenti canadesi, che sapeva quanti sforzi erano stati fatti, decise di prendere un prestito a suo nome per pagare i suoi studi.

Difficoltà con il lavoro e l'avvio di un'attività

Così la ragazza ha completato con successo il suo MBA, ma le difficoltà erano solo all'inizio. A causa di un errore nel certificato, le è stato rifiutato il permesso di lavoro. C'è voluto un mese per risolvere il problema, ma il permesso di lavoro è stato comunque concesso.

"Questo genere di cose è successo diverse volte nella mia immigrazione, ma questa situazione mi ha reso più forte e più esperto", nota Aina.

Il prossimo ostacolo era il lavoro. Aina ha inviato numerosi CV per la posizione di project manager, ma nessuna azienda ha risposto. Dopo aver consultato un reclutatore, ha imparato che i laureati MBA sono considerati troppo ambiziosi e troppo qualificati per la posizione di project manager.

Un altro mentore ha consigliato la soluzione — scrivere la trascrizione della professione (Business Administration Specialist). Come dice Aina, questo non ha aiutato molto, così alla fine la ragazza è arrivata alla decisione di fondare la propria azienda per formare project manager. Allo stesso tempo, ha continuato a inviare CV, a chiedere feedback ai reclutatori e a comunicare con i mentori.

Aina si è subito resa conto che avere una propria azienda promuoveva la sua candidatura agli occhi dei datori di lavoro. Quando cominciarono a comparire i primi clienti per la formazione, la ragazza fu avvicinata dalle migliori aziende con offerte di lavoro. Così ha ottenuto un lavoro alla Central One, una delle note aziende di Vancouver, e ha dovuto lasciare la sua attività per il fine settimana.

Dopo un po' di tempo Aina passò a lavorare per se stessa e a lavorare con le aziende su base contrattuale. Ben presto divenne chiaro che le opportunità a Vancouver non erano sufficienti e Aina decise di trasferirsi a Toronto.

Popolarità sui social media

Sorprendentemente, è stato il social network vocale Clubhouse che ha portato Aina a un posto d'onore nella lista delle migliori imprenditrici. È arrivata all'apice della popolarità della rete.

"Era il tipo di posto che avevo sognato per tutta la vita", così Aina descrive la Clubhouse. — Una concentrazione di menti, una concentrazione di persone molto più avanzate di me, molto più intellettuali di me.

Volendo parlare con queste persone, Aina aspettava per ore il suo turno per parlare. Con il tempo, c'erano persone a cui piacevano i suoi discorsi, così Aina è diventata lei stessa un'oratrice e ha iniziato a fare interviste alla Clubhouse. L'argomento principale era l'industria del project management nell'IT. A un certo punto, Aina è stata persino definita l'ambasciatrice delle donne nell'IT.

"Non ho mai scritto un codice in vita mia, nemmeno una riga", commenta Aina sul suo "titolo".

Aina ha iniziato a parlare anche al di fuori della Clubhouse. È così che la ragazza ha ottenuto altri social network. Anche un approccio non convenzionale ha giocato un ruolo. Per impressionare il pubblico e conoscere le persone, Aina ha disegnato degli schizzi su ciò che è stato discusso alla Clubhouse e ha segnato i social network dei presenti. Aina è anche attiva nel volontariato.

Posto di classifica e consigli per gli immigrati

Ad un certo punto, Aina fu avvicinata da una rivista di New York. Chi l'abbia raccomandata è ancora un mistero per lei. Aina non ha creduto alla lettera in un primo momento, ma ha inviato la sua foto e la sua biografia.

"E per un po', per due o tre settimane, tutti scomparvero", dice Aina. — Ho pensato, beh, questo deve essere uno scherzo.

Ma tutto è andato storto, e Aina è apparsa in un altro numero della rivista.

Come qualcuno che ha avuto un viaggio difficile come immigrato, Aina ha alcuni consigli per i nuovi arrivati. Prima di tutto, consiglia di iniziare a prepararsi alla vita in Canada il più presto possibile:

  • registrarsi presso le organizzazioni di volontariato;
  • creare un profilo sul social network aziendale LinkedIn;
  • scrivere post o articoli su un argomento professionale;
  • per cercare conoscenti d'affari;
  • partecipare a conferenze professionali e a programmi di mentoring.

Alex Pavlenko, fondatore di Immigrant.Today

  • #storie di successo
  • #storie di successo in Canada
  • #storie di immigrati in Canada
  • #storia di emigranti in Canada
  • #residenza permanente in Canada
  • #trasferirsi in Canada
  • #top entrepreneurs
  • #top women entrepreneurs
  • #top women in IT
  • #top women in IT
  • #storia di immigrazione in Canada
  • #studiare in Canada
  • #lavorare in Canada
  • #vita in Canada
  • #residenza permanente in Canada
  • #trasferirsi in Canada dall'Ucraina
  • #immigrazione in Canada attraverso l'istruzione