Negozi di seconda mano in Canada e nella CSI

Negozi di seconda mano in Canada e nella CSI

Nell'ex Unione Sovietica, i negozi di seconda mano sono spesso visti con un po' di disprezzo. In Canada è vero il contrario.

Un negozio di seconda mano, o il familiare, buon vecchio Second Hand. Per il cittadino medio post-sovietico, queste parole evocano una varietà di associazioni — dalla gioia all'approvazione, dall'accettazione del fenomeno come un fatto all'indifferenza, dal disgusto a uno sprezzante "fi".

Quali emozioni evocano le stesse parole nei canadesi? Sorprendentemente, è l'orgoglio e la soddisfazione. Da qualche parte è persino una gioia che esistano negozi di seconda mano. Perché? Semplice. La ragione principale è che la natura del fenomeno è diversa qui in Canada e oltreoceano.

Di seconda mano

Paesi CIS

Cosa "là fuori", cioè in alcune delle ex repubbliche sovietiche? I negozi di seconda mano sono emersi in un momento in cui il potere d'acquisto delle persone era sceso notevolmente e avevano bisogno di vivere. E per quanto l'orgoglio nazionale resista, non si può mangiare solo l'orgoglio. Cioè, non puoi mettertelo addosso.

Da dove vengono tutte queste montagne di merce di seconda mano che attraversano le frontiere a tonnellate e vengono distribuite istantaneamente ai punti vendita? Nella maggior parte dei casi, sono donazioni gratuite da parte delle persone dei paesi da cui provengono. Nei negozi dell'ex Unione Sovietica queste cose a volte hanno un prezzo molto alto. E non hanno un buon odore. E non hanno un bell'aspetto. E in generale... È un business molto redditizio.

E il Canada?

I negozi sono pieni di oggetti personali dei residenti che sono diventati inutili. Cioè, è un processo interno. Ogni residente può portare tutto quello che vuole direttamente nel negozio e lasciarlo lì. Non possono essere solo vestiti o scarpe, ma anche libri, attrezzature sportive, giocattoli, biancheria da letto, mobili, elettrodomestici, stoviglie, artigianato e molto altro. Il personale speciale smisterà questi oggetti: alcuni per la vendita, altri per il riciclaggio.

Ci sono diverse grandi catene nel paese che hanno una storia di cose da fare. Per esempio, in Ontario, sono Value Village, Goodwill e Thrift Store.

Di seconda mano

Cosa c'è da essere orgogliosi? I canadesi che amano il loro paese sono appassionati dell'ambiente e non buttano via le cose, per non incoraggiare la produzione o la sovrapproduzione di cose nuove. Dopo tutto, il riciclaggio riduce questo processo, il che è di grande beneficio per la natura.

E se questi, che sono ancora abbastanza buoni, fossero anche utili a qualcuno? Quelli che non possono più essere utilizzati per il loro scopo sono riciclati. In questo modo si conserva una parte delle risorse naturali. Da qui la sensazione di soddisfazione.

Di seconda mano

A proposito, i canadesi non si limitano a donare, sono felici di comprare vestiti di seconda mano. Il parcheggio davanti ai negozi di seconda mano è incredibile; non è diverso dalla gamma di auto parcheggiate davanti alle boutique di moda o ai grandi centri commerciali.

Non c'è assolutamente nessuna vergogna nel dire che un oggetto non è stato comprato nuovo. In Canada, questo non è un segno di povertà, ma di amore e cura per il pianeta. Il che è qualcosa a cui forse tutti dovrebbero pensare. Cosa ne pensate?

  • #seconda mano
  • #negozi di seconda mano in Canada
  • #negozi di seconda mano in Russia
  • #negozi di seconda mano in Canada
  • #vita in Canada
  • #negozi di seconda mano in Ontario
  • #negozi di seconda mano in Canada
  • #negozi di seconda mano in Russia