I lavoratori qualificati sono una necessità importante per le imprese canadesi

I lavoratori qualificati sono una necessità importante per le imprese canadesi

Come il Canada può riconquistare la sua antica gloria come produttore di cose che il mondo vorrà comprare.

Il portafoglio ordini dell'azienda manifatturiera canadese Can Art Aluminium Extrusion LP non è altro che un catalogo di offerte della maggior parte delle principali case automobilistiche del mondo, che ora investono attivamente nei veicoli elettrici.

Anthony Caputo, CEO e co-proprietario di Can Art Aluminium Extrusion LP, prevede che in un futuro molto prossimo la sua azienda, con sede a Brampton, Ontario, diventerà un polo ingegneristico di primo piano nella catena di produzione dell'industria automobilistica globale perché produce alcune delle parti più importanti dell'auto: i corpi in alluminio che proteggono le batterie delle auto elettriche.

"La nostra azienda è attivamente coinvolta nel lancio del 50% dei programmi di auto elettriche in Nord America", dice Caputo. — Naturalmente, c'è Tesla Inc. così come la Mustang Mach E con la sua batteria Ford Motor Co. Le case automobilistiche tedesche Mercedes di Daimler AG e Bayerische Motoren Werke AG (BMW) stanno anche sviluppando in questa direzione. Ora un bel po' di persone stanno pensando di comprare Tesla e altre auto elettriche, e questo è fantastico, perché abbiamo spazio per crescere.

L'industria automobilistica canadese

Infatti, il Canada, che ora sta collaborando attivamente con i grandi colossi dell'auto, sembra un concorrente per costruire la prossima generazione di auto. Secondo Caputo, il paese ha tutto il necessario per diventare una parte cruciale dell'industria globale dell'auto elettrica: i minerali necessari per produrre batterie, così come un'industria siderurgica ben sviluppata.

Inoltre, Lion Electric Co. di Montreal e NFI Group Inc. di Winnipeg stanno commercializzando attivamente i loro autobus elettrici, e BRP Inc. del Quebec e la nuova società Taiga Motors Corp. si preparano a produrre motoslitte elettriche.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau e il primo ministro dell'Ontario Doug Ford hanno già prestato centinaia di milioni di CAD a Ford, General Motors Co. e Fiat Chrysler Automobiles per finanziare la ristrutturazione di questi impianti, situati in Canada, per produrre auto elettriche. E l'Automotive Parts Association of Canada sta sponsorizzando il progetto Arrow, che mira a creare una concept car a propulsione elettrica entro il 2022.

Gli ambiziosi obiettivi di Anthony Caputo

L'uomo d'affari Anthony Caputo si è fatto un nome gestendo aziende quotate in borsa, fondendosi con la società di private equity TorQuest Partners nel 2016 e acquistando Can Art per portarla al livello successivo. Ha sviluppato un piano per raddoppiare la capacità di produzione fino a 100 milioni di kg di alluminio all'anno, puntando al potere d'acquisto dei principali produttori mondiali di automobili, costruzioni e beni di consumo.

"Siamo passati dai preventivi ai suggerimenti, abbiamo proiettato il nostro futuro e ci siamo addentrati", nota Caputo.

L'uomo d'affari ha ora fissato un nuovo obiettivo, ancora più ambizioso: portare la sua azienda sul mercato globale in modo che la sua merce sia comprata ovunque. Questa politica di produzione aiuterà a creare nuovi posti di lavoro meglio pagati nel paese e aiuterà anche l'accumulo di capitale monetario in Canada.

Il paese ha bisogno di buoni professionisti

Tuttavia, l'esperienza della Can Art mostra che l'ambizioso desiderio del Canada di affermarsi come un'altra potenza automobilistica globale manca di un ingrediente molto importante: il talento produttivo.

Il declino della produzione negli ultimi decenni ha causato una reale carenza di lavoratori altamente qualificati in Canada. Secondo Statistics Canada, all'inizio del 2001 c'erano circa 1,9 milioni di operai, circa il 15% della forza lavoro. Nel 2009, quel numero era sceso a circa 1,5 milioni, e da allora ha fluttuato costantemente.

Come dice Caputo, si preoccupa solo in parte dell'inflazione, che ora è uno dei principali argomenti di discussione nei mercati finanziari e nella stampa economica. La sua più grande preoccupazione rimane quella di proteggere i suoi lavoratori dall'essere infettati dal coronavirus e di attirare abbastanza persone per mantenere il suo stabilimento a piena capacità. Caputo nota che il Canada ha sempre avuto un'offerta limitata di lavoratori qualificati.

Per decenni, ai bambini canadesi è stato insegnato ad equiparare il loro successo alla costruzione di una carriera distinta e di un lavoro in ufficio. Solo nell'aprile di quest'anno, c'erano circa 1 milione di colletti bianchi nel paese, un aumento del 57% dall'inizio del 2001.

Caputo sa che lavorare nella sua azienda non piacerà a tutti: "Can Art riscalda l'alluminio fino a 1.000 °C. Non facciamo software, quindi non siamo molto cool. Tranne che per produrre il nostro prodotto molto cool".

Caputo sottolinea anche gli alti salari dei suoi dipendenti: le 10.700 persone rimaste nel suo sito di produzione guadagnavano in media circa CAD 2.000 a settimana fino ad aprile: circa lo stesso degli operatori di borsa e il 10% in più degli sviluppatori di software.

Source
  • #business in Canada
  • #produzione di auto in Canada
  • #potenza produttiva canadese
  • #posti di lavoro per immigrati in Canada
  • #business in Canada
  • #vita in Canada
  • #posti di lavoro in Canada
  • #industria automobilistica canadese
  • #notizie dal Canada
  • #mondo degli affari del Canada
  • #come costruire un business in Canada
  • #auto elettriche in Canada