I canadesi vogliono rimanere sotto il dominio britannico?

I canadesi vogliono rimanere sotto il dominio britannico?

"La monarchia è obsoleta e non ha nulla a che fare con il nostro governo. Credo che sia giunto il momento di stare per conto nostro".

La Gran Bretagna ha colonizzato il Canada a partire dalla fine del 1500 e il Paese è rimasto formalmente parte dell'Impero britannico fino al 1982. Oggi è membro del Commonwealth degli ex Paesi imperiali, dove il monarca britannico è capo di Stato.

L'Angus Reid Institute ha condotto un sondaggio da cui è emerso che il 51% dei canadesi non vuole che la monarchia rimanga la sua figura cerimoniale (il 6% in più rispetto al gennaio 2020). Solo il 26% degli intervistati ha affermato che è necessario, mentre il 24% non è sicuro. Un numero crescente di canadesi non vuole essere rappresentato da un monarca straniero, nonostante i profondi legami storici con il Regno Unito e l'affetto per la Regina.

Alcuni rappresentanti delle grandi imprese canadesi si sono espressi sulla questione, confermando i risultati dei sondaggi. Flavio Volpe, presidente della Canadian Automotive Parts Association, si chiede perché il Canada sia l'unico paese del G7 il cui capo di stato è cittadino di un altro paese e, riferendosi a una piccola città nel sud del paese, aggiunge:

"Preferirei avere come capo di Stato qualcuno di Windsor piuttosto che qualcuno della Casa di Windsor".

I membri della generazione più anziana sostengono l'idea dell'autosufficienza. John Nielsen, 61 anni, imprenditore di Ottawa, afferma che

"La monarchia è obsoleta e non ha nulla a che fare con il nostro governo. Credo che sia giunto il momento di stare per conto nostro".

Monarchy

In Quebec, la morte della regina ha suscitato una raffica di domande sul futuro della monarchia in Canada, evidenziando ancora una volta il complicato rapporto della provincia con la monarchia.

Gérard Bouchard, storico e sociologo che insegna all'Università del Québec a Chicoutimi, afferma che la maggior parte dei quebecchesi non ama la monarchia per ragioni storiche e per il loro sostegno alla democrazia. In una recente intervista, spiega:

"In Québec sembra essere una reliquia di un'epoca coloniale che pensavamo fosse scomparsa. La maggior parte delle persone direbbe: "Non sappiamo perché continua in Canada e non sappiamo perché ci è stato imposto in Québec".

Sebbene i residenti della provincia possano rispettare la defunta regina come persona, la monarchia evoca ricordi della conquista britannica della Nuova Francia e del dominio coloniale britannico sul Canada francofono.

Bouchard afferma che l'idea di un monarca europeo come capo di Stato va anche contro le idee di democrazia dei quebecchesi, aggiungendo che l'opposizione alla monarchia è più forte tra i federalisti e gli anglofoni del Quebec che in altre parti del Canada.

Queen

L'occasione del dibattito è stata la decisione del premier Legault di abbassare la bandiera provinciale alla morte di Elisabetta II. Il leader del partito quebecchese Paul Saint-Pierre Plamondon l'ha criticata, sottolineando la difficile storia delle relazioni con la Gran Bretagna: la monarchia è stata imposta al popolo quebecchese con la conquista, ha detto, e la bandiera provinciale, nota come Fleurdelise, rappresenta la democrazia della provincia e il diritto dei quebecchesi di esistere come popolo. Ha ricordato che la deportazione degli accademici, l'esecuzione dei leader della Rivolta patriottica nel 1839 e, più recentemente, il rimpatrio della costituzione senza il consenso del Québec, sono stati fatti in nome della Corona britannica e ha parlato piuttosto duramente della monarchia:

"Non possiamo perdere di vista il fatto che rappresentava un'istituzione, la Corona britannica, che ha causato danni significativi ai quebecchesi e agli indigeni".

Benoît Pelletier, professore di diritto costituzionale all'Università di Ottawa ed ex membro del gabinetto del governo liberale di Jean Charest in Quebec, ritiene che il Canada anglofono stia inesorabilmente seguendo il Quebec e che il sostegno alla monarchia stia diminuendo di anno in anno. Suggerisce senza mezzi termini che un referendum potrebbe avere luogo e che è solo questione di tempo:

"Penso che nei prossimi mesi ci sarà un dibattito sul futuro della monarchia costituzionale".

Pelletier ha affermato che è possibile modificare la costituzione canadese per abolire la monarchia, purché i negoziati non si concentrino su altre questioni costituzionali. Tuttavia, egli sostiene personalmente la monarchia, ritenendo che al momento il sistema democratico funzioni bene e che non valga la pena di rompere ciò che è stato costruito nel corso degli anni.

I sondaggi mostrano che i quebecchesi non sono d'accordo con lui: il 71% in un sondaggio Angus Reid ha dichiarato di non vedere più la necessità di una monarchia e l'87% ha dichiarato di non avere alcun attaccamento alla famiglia reale nel sondaggio Leger.

Queen
 

Anche dal lato delle Prime Nazioni le cose sono complicate: mentre molti piangono la morte della Regina Elisabetta, alcuni indigeni hanno espresso ambivalenza o ostilità verso la monarchia che ha colonizzato il Nord America. Alcuni di loro non erano timidi nelle loro espressioni. Chance Papanekis, residente nel territorio nel nord del Manitoba, vede la regina come parte di un'istituzione sinistra che perpetua il danno alle popolazioni indigene. Nell'apprendere la notizia della sua morte, Paupanekis ha pensato alla lunga vita che la monarca 96enne ha vissuto, "a differenza di molte persone a cui ha fatto del male".

"... [la Regina] e i suoi predecessori sono responsabili di un enorme aspetto del genocidio delle popolazioni indigene nel mondo".

Le popolazioni indigene hanno un rapporto con la Gran Bretagna che risale al primo contatto con gli europei. Con la firma dei trattati, la Corona e le Prime Nazioni hanno stabilito termini di coesistenza pacifica tra le due società sovrane nella condivisione della terra. Papanekis ammette che ciò è accaduto molto prima che la regina Elisabetta diventasse monarca, ma questo non cambia il suo atteggiamento nei confronti della monarchia nel suo complesso:

"L'agenda coloniale permanente dei coloni continuerà indipendentemente dal monarca al potere".

Rendendosi conto che il processo di abbandono della monarchia non può essere una questione di un paio di mesi, Papanekis spera che il re Carlo III inizi il processo di riparazione non solo nei confronti delle popolazioni indigene, ma anche di tutti i popoli del mondo che hanno sofferto dell'influenza britannica.

Niigaan Sinclair, professore di studi indigeni presso l'Università di Manitoba e capo dipartimento ad interim, spiega perché il dialogo con la Gran Bretagna è così importante: i popoli indigeni "condividono un rapporto con la Corona, non con il governo canadese".

I trattati sono stati stipulati tra i leader indigeni e la Corona, non il governo di allora, il che significa effettivamente che senza una seconda parte, tutta la terra canadese passerebbe in proprietà alle Prime Nazioni.

Riconosce i danni subiti, anche durante i 70 anni di regno della Regina Elisabetta. Le politiche coloniali repressive hanno macchiato la storia canadese per secoli, più recentemente con il sistema delle scuole residenziali, la sterilizzazione forzata delle donne indigene e il trasferimento forzato degli Inuit verso il nord, tutti durante il regno della Regina.

Belinda Vandenbroek ha frequentato per 10 anni un collegio a Dauphin, nel Maine. L'anno scorso, in occasione del Canada Day, si è recata sul terreno della legislatura del Manitoba per tenere un discorso in risposta alla scoperta di quelle che si ritiene siano tombe non segnate nel terreno del collegio. Quel giorno, le statue della Regina Elisabetta e della Regina Vittoria sul terreno dell'Assemblea Legislativa furono rovesciate in risposta alla scoperta. Come sopravvissuta a un collegio, si chiede perché la Regina Elisabetta non sia intervenuta quando i bambini come lei venivano portati via dalle loro famiglie.

I testimoni dei terribili eventi che hanno avuto luogo tra le mura delle scuole continuano a essere trovati ancora oggi. L'ultimo di essi è stato chiuso solo nel 1997 e il ricordo dei testimoni è ancora così doloroso che anche le scuse del Papa non hanno sortito alcun effetto.

A maggio, Carlo e la moglie Camilla hanno visitato Yellowknife e l'insediamento Detta Dene durante l'ultima tappa del loro tour canadese in occasione del Giubileo di platino della Regina. La loro visita si è concentrata sulla riconciliazione e sul cambiamento climatico. Durante la visita, l'Assemblea dei popoli indigeni e il Consiglio nazionale Métis hanno chiesto le scuse della monarchia. In un discorso tenuto prima di lasciare Yellowknife, Charles ha detto di voler incontrare i sopravvissuti del collegio e ha riconosciuto il loro dolore e la loro sofferenza, ma non si è scusato. Quindi, per le Prime Nazioni, il ruolo che assumerebbe Carlo III nel prisma dell'interazione con loro non è ovvio.

Per Sinclair, tuttavia, altri sviluppi sono più importanti, come la storica nomina di Mary Simon, una Inuk che lo scorso anno è diventata il primo governatore generale indigeno del Canada. Ritiene che tali precedenti dimostrino l'interesse della Gran Bretagna a mantenere le relazioni e a lavorare su di esse:

"C'è ancora speranza che la Corona sviluppi questo rapporto".

Il capo nazionale Rose Ann Archibald dell'Assemblea dei Popoli Indigeni afferma che il prossimo passo da compiere con la Gran Bretagna è l'adozione da parte della Corona del Proclama Reale di Riconciliazione, parte di una richiesta di azione della Commissione per la Verità e la Riconciliazione. Esorta le persone coinvolte a non dimenticare la necessità di andare avanti:

"Mentre molti piangono la fine dell'era elisabettiana, ricordiamoci che il dolore e la responsabilità possono esistere nello stesso spazio e allo stesso tempo".

Alla domanda se fosse preoccupata per il riemergere delle voci sul ritiro della Gran Bretagna e sull'impatto dei cambiamenti costituzionali sui trattati, ha risposto in modo inequivocabile che le Prime Nazioni manterranno sempre un rapporto con la Corona, indipendentemente da ciò che farà il Canada, e ha aggiunto:

Fonte, Fonte, Fonte, Fonte, Fonte
  • #Regina Elisabetta
  • #morte di Elisabetta seconda
  • #Carlo terzo
  • #Commonwealth degli ex paesi imperiali
  • #monarchi britannici
  • #Canada-Gran Bretagna
  • #collegi canadesi
  • #Prime Nazioni del Canada
  • #Popolazioni indigene del Canada
  • #storia canadese