Residente a Montreal discriminata per i suoi capelli ricci

Residente a Montreal discriminata per i suoi capelli ricci

La donna ha presentato un reclamo all'Air Transport Safety Board del Canada.

Christine Rodriguez, proprietaria di un'acconciatura afro, viaggia spesso per lavoro. È indignata perché i suoi capelli sono stati perquisiti tre volte nell'ultimo mese e mezzo negli aeroporti di Calgary, Toronto e Montreal. La donna sostiene che il personale dell'aeroporto ha richiesto ulteriori controlli dopo essere passata attraverso lo scanner.

Rodriguez trova questa pratica discriminatoria: "È assurdo, non posso nascondere nulla nei miei capelli. È un punto delicato. In questo caso, non sembra necessario".

Nella denuncia, la signora suggerisce che l'Autorità canadese per la sicurezza del trasporto aereo (CATSA) fornisca una formazione al proprio personale su questo tema.

Il Centro per la ricerca e l'azione sulle relazioni razziali (CRARR) è d'accordo con la vittima: "Si tratta di trovare modi e mezzi per difendere i propri diritti, soprattutto quando la perquisizione sembra intrusiva e pregiudizievole.

Un portavoce del CRARR ha sottolineato in un comunicato che l'idea stessa di tali controlli è sgradevole, soprattutto per le donne di colore, perché molte di loro sono state discriminate sul lavoro a causa dei loro capelli. Hanno dovuto lottare per sistemare costantemente i loro capelli indisciplinati e cercare di acconciarli per sembrare donne d'affari serie.

Ha raccomandato a chiunque sia vittima di pratiche discriminatorie negli aeroporti canadesi di presentare un reclamo all'Amministrazione della sicurezza. Nel frattempo, l'Autorità stessa ha dichiarato di non aver ricevuto alcun reclamo.

Fonte
  • #Aeroporti canadesi
  • #razza in Canada
  • #vita in Canada
  • #discriminazione in Canada
  • #CATSA
  • #CRARR
  • #sicurezza in Canada
  • #diritti umani in Canada
  • #diritti delle minoranze in Canada
  • #perquisizioni aeroportuali in Canada
  • #viaggi in Canada