I maggiori operatori di telecomunicazioni del Canada firmano un accordo formale

I maggiori operatori di telecomunicazioni del Canada firmano un accordo formale

Il guasto alla rete Rogers ha colpito tutti.

François-Philippe Champagne, Ministro dell'Innovazione, della Scienza e dell'Industria, ha dichiarato che l'impatto dell'interruzione della rete Rogers , verificatasi a luglio, è stato così grave da indurlo a organizzare un incontro con gli amministratori delegati delle principali società di telecomunicazioni canadesi, ai quali ha chiesto di adottare misure immediate per migliorare l'affidabilità della rete in tutto il Paese. Ha concesso 60 giorni per un accordo formale che assicuri e garantisca il roaming in caso di emergenza, l'aiuto reciproco e un protocollo di comunicazione per informare il pubblico e il governo durante le principali interruzioni e altre emergenze.

Mercoledì è stato annunciato ufficialmente un accordo firmato che prevede la collaborazione tra i concorrenti nel caso in cui uno di loro abbia un guasto come Rogers:

"Se uno di questi provider dovesse subire una grave interruzione di rete, le altre aziende si sono impegnate a fornire il supporto e l'assistenza necessari affinché i canadesi possano contattare i propri cari, accedere al 911 e condurre transazioni commerciali".

Inoltre, gli operatori di telecomunicazioni sono tenuti a fornire messaggi chiari e tempestivi per informare i canadesi e le autorità competenti sulla risposta e il ripristino durante le principali interruzioni di rete.

Ricordiamo che l'interruzione di luglio ha lasciato senza servizio circa un quarto dei canadesi. La Commissione canadese per le radio, le televisioni e le telecomunicazioni (CRTC) sta conducendo un'indagine dettagliata sulle operazioni di Rogers, comprese le nuove misure adottate dall'azienda.

Fonte
  • #internet in Canada
  • #Rogers
  • #notizie in Canada
  • #blackout internet in Canada
  • #telecomunicazioni in Canada
  • #problemi di connettività in Canada
  • #vita in Canada